swaggy p

Swaggy P aka Daddy Swag, Howard il pirata ed i free agent rimasti

Howard pirata della strada

Sembra che il centro dei Rockets abbia il vizietto di passare con il rosso…TMZ riporta che il nostro è stato pizzicato ben 10 volte dal 2012 a commettere la medesima trasgressione. Se la fonte sopracitata non vi basta Barbara Liston della Reuters non solo conferma, aggiunge che una di queste infrazioni ha portato al ritiro della patente un mesetto fa. Scendendo nei particolari l’illecito oggetto del provvedimento restrittivo è stato commesso ad aprile, il problema è che la multa di 285$ non è stata pagata…Oh tranquilli, in carriera di dollari ne ha guadagnati 123.000.000, non ci dovrebbero essere problemi…

Lakers Staff & “Daddy Swag”

Dopo una lunga gestazione è stato annunciato lo staff che affiancherà Byron Scott per la stagione 2014-2015 alla guida dei gialloviola. Mark Madsen è stato promosso nel ruolo di assistant coach è farà compagnia a Jim Eyen e Paul Pressey, ovvero due vecchie volpi del pino. Nel frattempo alcuni dei componenti del roster sono già al lavoro ad El Segundo, presso la facility della franchigia. Mike Trudell (@Lakersreporter) ha colto l’occasione per un intervista a Nick Swaggy P Young. Ne è emerso che: A) Durante l’estate si è allenato con Kobe Bryant B) Sta dando lezioni di basket alla fidanzata Iggy Azaleea che, come potete vedere sotto, si applica C) ha imposto a Julius Randle e Jordan Clarkson, i rookies della squadra, di chiamarlo “Daddy Swag“… ed il vostro Swaggy quotidiano è servito…

Mercato

Gustavo Ayon: niente Barcellona, bensì Real Madrid. Il messicano avrebbe avuto sul tavolo anche una proposta ufficiale dai San Antonio Spurs, tuttavia i Blancos hanno sbaragliato la concorrenza con un triennale. Zoran Dragic si presenta al training camp dell’Unicaja Malaga, per ora niente NBA anche se si dice determinato a provare l’avventura già quest’anno. Capitolo Cina: Jordan Crawford trova un contratto ai Xinjiang Flying Tigers, mentre Josh Akognon si accasa ai Foshan. I Sacramento Kings vincono la corsa ai servigi di Ryan Hollins con un annuale garantito (minimo salariale, ovviamente) Michael Beasley viene provinato dagli Spurs e già in molti ipotizzano che, se Popovich non ci prova nemmeno, allora la questione è seria. Il prodotto da Kansas, che ha già sostenuto due workouts con i Lakers, ha libertà di trovare la sistemazione che ritene più opportuna, dato che finanziariamente è già coperto dallo stipendio che ancora percepisce dai Phoenix Suns. Un altra grande promessa non mantenuta è Josh Howard, attualmente in prova ai Kings. Reggie Evans in un tweet ci fa sapere che l’ex Maverick si allena duramente per strappare un roster spot; dovrebbe avere la concorrenza di Michael Pietrus, provinato anch’esso nei giorni scorsi. Raffica finale di contratti (al momento) non garantiti: E’twaun Moore ai Bulls, Hassan Whiteside ai Grizzlies, Lorenzo Brown ai Pistons, Hamady N’Diaye ai Nets, Kyrylo Fresenko e Brady Heslip ai Timberwolves.

NBA 2k15

Il 4 ottobre, data di rilascio del videogame, è oramai alle porte: nuovo trailer con James Harden protagonista, tuttavia la scena è monopolizzata da un certo “Beard Guru” che rende uno spettacolo da lasciare a bocca aperta…

Kobe aspirante proprietario

Pare che il Black Mamba faccia parte del gruppo di investitori che, capitanato da Joe Tacopina, sta tentando di acquisire il Bologna Football Club 1909. La sua parte di investimento ammonterebbe a 350.000$. Dopo il paventato approdo alla Virtus (durante il lockout 2012-2013) Bologna e Bryant si incrociano di nuovo: chissà che non sia la volta buona…

Memo torna a casa

Mehmet Okur è stato ingaggiato dagli Utah Jazz in qualità di consultant. Sembra che la sua missione speciale all’interno della franchigia sia quella di occuparsi di Enes Kanter. I due si sarebbero già sentiti telefonicamente e la power forward turca ha commentato “Sarebbe un piacere imparare da lui, siamo giocatori simili”

Bledsoe drama

Passano le settimane e “Little Lebron” è ancora da considerarsi nel novero dei free agents. @DarrenWolfson ci informa di un interessamento di Minnesota anche nel post-Love-trade, tuttavia i discorsi non sembrano essere andati oltre. L’unica soluzione al momento fattibile sembra possa essere l’accettazione da parte di Bledsoe della Qualifying Offer da 3,73 milioni che gli consentirebbe di essere unrestricted free agent tra 10 mesi, lo stesso destino (tranne che per la cifra) toccato a Greg Monroe. All’inizio della free agency la guardia da Kentucky ha rifiutato un offerta di 4 anni per 48 milioni complessivi – stipendi comparabili a quelli che percepiscono Kyle Lowry e Ty Lawson

Luigi Pergamo

Luigi Pergamo

34 anni, nasco calciatore e calciofilo fino a che una domenica mattina di fine anni '80, facendo zapping, faccio la conoscenza di Magic e Kareem: le mie giovani certezze vacillano, più tardi cadranno. Da allora la malattia ha un crescendo esponenziale fino al punto in cui devo cominciare a parlarne e, poi, scriverne. Sposato e con un figlio (3 anni e tifa Bucks, boh) quando non lavoro lancio spingardate al ferro in palestra o al playground.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2019 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati