636166467432142423-usp-nba-preseason-memphis-grizzlies-at-houston-ro

Rockets: quando l’attacco non parte da Harden

Il segreto di Pulcinella di oggi è che non sono un fan di Mike D’Antoni allenatore e del suo gioco. Oddio gioco…diciamo della mentalità (prettamente offensiva a dir poco) e filosofia, che forse è più corretto.

Il matrimonio con un altro “genio” come Daryl Morey non poteva che far nascere gli Houston Rockets di quest’anno. Come si possa dire che è una squadra piacevole da veder giocare devo ancora capirlo, ma tant’è… Si punta tutto sul massimizzare dei concetti, nella speranza che questi diventino vincenti, e ci sta!

Harden è ovviamente il perno di tutto il “sistema” (ehm…) offensivo che gira attorno alle sue giocate individuali e alla sua capacità, una volta non trovata la via per il canestro, di mettere la palla in mano ad un compagno, preferibilmente a 5 centimetri dal canestro o con i piedi oltre l’arco dei tre punti. Se nella stragrande maggioranza dei casi è lo stesso #13 a gestire il pallone fin dall’inizio dell’azione, ci sono opzioni che invece prevedono che possa prima liberarsi dalla pressione difensiva per poi entrare nel vivo del gioco. Oggi ne vediamo due.

Two Off

Partiamo dalla situazione ribattezzata “Two Off” ed illustrata nei primi due diagrammi.

001La palla non è gestita in questo caso da Harden (2) ma dal compagno di backcourt. 1 palleggia verso il lato sinistro del campo e gioca un hand-off dal palleggio con 3. Contemporaneamente 4 taglia lungo la linea di fondo portandosi nell’angolo del lato forte. E’ questo il movimento chiave del gioco.
0022 fa un passo verso la palla e poi taglia backdoor per ricevere e andare a canestro. 5 in lunetta può essere utile per un blocco/velo sul difensore di Harden nel casi in cui l’ex-Thunder necessiti di un movimento più “profondo” verso la palla per liberarsi dalla marcatura.

Reverse Logo Pick’n'Roll

0031 palleggia fino alla posizione di ala sul lato destro per far partire poi un ribaltamento di lato, con il pallone che passa prima da 5 e poi giunge a 3. Mentre è in corso il ribaltamento, 4 porta un classico blocco Flex per 2.
0042 prende posizione nella così detta “logo area” e riceve spalle a canestro da 3. Questi dopo il passaggio porta un blocco/velo per 5 e taglia sul lato debole dove insieme a 1 e 4 si apposta dietro l’arco dei tre punti pronto a ricevere un eventuale scarico.
0052 usa il blocco di 5 per liberarsi al tiro, penetrare in palleggio o servire 5 sul “roll” verso canestro. Come anticipato gli altri compagni devono essere bravi a rendersi bersagli “credibili” sul lato debole dove 2 può pescarli per un tiro aperto da tre punti.
Andrea Pontremoli

Andrea Pontremoli

Ex-giocatore e poi allenatore di settore giovanile, collaboratore dal 2005 e in seguito capo-redattore NBA per All-Around.net. Partecipa con un suo racconto al libro "All-Around: 12 storie 1 passione" (Orizzonti Editore) ed è autore del testo "Il triangolo sì...io lo rifarei" sullo studio e l'utilizzo della Triple-post Offense di Coach Tex Winter.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2019 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati