devin booker

La vendetta di Nurkic, Booker show, guai per Noah

NURKIC SI VENDICA

La vendetta di Jusuf Nurkic è servita: il bosniaco è stato protagonista della sfida tra Denver Nuggets e Portland Trail Blazers, sia per la prestazione in campo che per le parole rilasciate ai giornalisti al termine dell’incontro.
Il centro selezionato al draft del 2014 con la sedicesima scelta assoluta dai Chicago Bulls, per poi essere immediatamente scambiato, ha iniziato la sua carriera NBA come compagno di squadra di Danilo Gallinari. Le sue stagioni sono state caratterizzate da prestazioni buone ad altre decisamente meno buone, e anche tanta panchina con la franchigia del Colorado, prima dello scambio che lo ha portato a Portland. In Oregon è riuscito a ritagliarsi pian piano il suo spazio, fino a stanotte. 32 punti e career high nello scontro diretto tra la sua ex squadra, partita fondamentale per lui e per le due franchigie che sono in piena corsa per l’ultimo posto disponibile nella postseason ad Ovest.

download-2

La vittoria ha permesso il sorpasso momentaneo di Portland su Denver, e Nurkic al termine della partita ha rilasciato questo commento:

“Il mio obiettivo da quando sono arrivato qui era di arrivare ai playoff. Per ora ci siamo e auguro a Denver di trascorrere una felice estate”

Viene esaltato anche dalle stelle della squadra Lillard e McCollum e lui dichiara:

“Ho trovato la mia dimensione, anche i miei ex compagni sono felici e io più di loro”

NOAH POSITIVO

Pur in un periodo di inattività Joakim Noah è stato sorpreso positivo ad un controllo antidoping.
Il centro francese dei New York Knicks stato sospeso a seguito di un controllo antidoping, nel suo organismo è stata trovata la molecola LGD-4033, una sostanza anabolizzante appartenente alla categoria SARM. I SARM sono modulatori selettivi dei recettori degli androgeni. Questi composti sono classe di sostanze anabolizzanti in grado di agire in modo selettivo riducendo così le cosiddetta proprietà androgene degli steroidi, causa della maggior parte degli effetti collaterali.

ct-joakim-noah-chicago-knicks-rivalry-spt-0814-20160812

Molti tecnicismi quindi, rimane il fatto che Noah nella fase calante della sua carriera si fa trovare in fallo in maniera piuttosto sciocca.

La NBPA (National Basketball Players Association) che non farà ricorso e ha rilasciato le seguenti parole:

Joakim è completamente disponibile e cooperativo nelle indagini e credo che questo caso isolato sia un semplice errore

Joakim si è scusato e né lui né la NBPA ricorreranno in appello.

BOOKER FA LA STORIA

La guardia dei Suns Devin Booker diventa il sesto giocatore di tutti i tempi a raggiungere quota 70, nonché il più giovane di sempre a superare i 60, cifre che non si vedevano in un parquet NBA addirittura dal 2006.
La notte da sogno di Devin Booker gioiello dei Phoenix Suns che al TD Garden entra nella storia della NBA con una notte da 70 punti contro i Boston Celtics, diventando il sesto giocatore di sempre a raggiungere questa quota e il più giovane di tutti i tempi a realizzarne più di 60. Il ventenne ora siede al tavolo di stelle come Wilt Chamberlain, Kobe Bryant, era proprio dai suoi 81 punti contro Toronto che in NBA non si vedeva una prestazione simile, esattamente il 22 gennaio 2006 . L’exploit di Booker non è bastato ai Suns per battere i Boston Celtics, capaci di imporsi (130-120) grazie al solito Isaiah Thomas, io aggiungerei anche per fortuna, visto che i Boston Celtics hanno tenuto sempre i Suns a distanza di sicurezza e Booker ha trovato certamente meno ostacoli sulla sua strada.

download-3

Booker ha fine match dichiara:

“Non sono cose che capitano spesso e di sicuro non contro una squadra dall’ottima difesa come i Boston Celtics. E’ difficile spiegare cosa si prova in quei momenti. Sei “in the zone”, mi era capitato di esserci già in passato ma non così a lungo durante una partita. Ha significato molto per me sentire gli applausi da parte dei tifosi di Boston, è una gara che ricorderò per tutta la vita”.

Anche Thomas ha commentato l’incredibile notte di Booker, facendo notare come i Suns a partita persa abbiano fatto di tutto per far segnare il proprio giocatore chiamando time out a match ormai perso:

“E’ stato strano quello che hanno fatto, ma ovviamente stavano cercando di fargli realizzare il maggior numero di punti possibile. Al di là di questo, giù il cappello davanti a Devin, ha giocato una partita pazzesca”.

PILLOLE

download-4

È caduto nella trappola di guida in stato di ebbrezza anche Kentavious Caldwell-Pope che mercoledì mattina è stato arrestato dalla Polizia. Il giocatore dei Pistons non ha superato l’alcool test quando è stato fermato per eccesso di velocità su una strada dove il limite era 25 miglia orarie mentre lui viaggiava a 45. Inconveniente di poco conto visto che il giocatore era sopra il limite consentito di poco, infatti è stato rilasciato subito ed è potuto scendere in campo contro i Nets la scorsa notte.

Indiana Pacers v Miami Heat - Game 6

Lance Stephenson torna a casa dove tutto ebbe inizio, firma un triennale con i Pacers. La dirigenza di Indiana spera che il buon Lance possa dare una mano alla conquista dell’ultimo posto utile per garantirsi i playoff ad Est. Il contratto firmato da Lance Stephenson è un triennale da 12 milioni di dollari complessivi.

Lo riabbraccia anche Paul George con queste parole :

Abbiamo dei ricordi fantastici come compagni di squadra. Veramente, quando siamo in campo, sentiamo di avere un legame speciale. Spero che potremmo ripartire dal punto in cui ci siamo lasciati anni fa, ovvero in una squadra vincente. L’ho sentito, ed è molto carico, molto contento di tornare a giocare assieme a me e ai Pacers, visto che ha sempre considerato questa squadra come casa sua. Qui è dove si è fatto conoscere nella lega, dove ha lasciato un segno e pensa di poter dare una mano a tutti noi anche adesso.

Sabatino Fantauzzi

Sabatino Fantauzzi

26 anni, mi sono appassionato alla pallacanestro vedendo i derby di Basket City il sabato pomeriggio su Rai 3 e da li è nato un amore incondizionato con il basket e la Fortitudo Bologna. Successivamente mi sono avvicinato anche alla NBA, precisamente dalla scelta del Mago in poi, seguo da vicino Marco Belinelli, idolo indiscusso dai tempi Fortitudini. Lakers e Kobe le altra passioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2019 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati