personaggi

Game of Zones – Il drama NBA diventa webseries

Oggi parleremo della webseries di Bleacher Report “Game Of Zones”, che dalla sua nascita nel 2014 a oggi ha entusiasmato i fan della NBA sin dal primo momento. Per scoprire come, ripercorriamo brevemente la storia e i contenuti di questo fenomeno virale.

Ideatori: Craig Malamut , Adrian Malamut
Produzione: Bleacher Report
Anno di pubblicazione: 2014
Stagioni: 5 (2018)
Lingua: Inglese

Gli autori

Adam Malamut si è laureato in televisione all’Emerson College di Boston, studio che lo portò naturalmente nella città delle stelle della TV, Los Angeles.
Qui lavorò per varie emittenti televisive in qualità di sceneggiatore e produttore, finchè non trovò la sua passione nell’animazione.
La sua carriera proseguì nella direzione di disegnatore e animatore autodidatta e nel 2010 nacque il Blog Mutsack.com, dove pubblica i suoi lavori.
Attualmente lavora per Bleacher Report assieme a suo fratello in qualità di sceneggiatore, disegnatore e animatore.

Craig Malamut ha studiato alla Wesleyan University di Middletown dove ha conseguito un master in astrofisica .
Contrariamente al suo titolo di studio, la sua carriera prosegue nell’ambito dell’intrattenimento, infatti nel 2013 raggiunge il fratello a LA per imparare, anch’esso da autodidatta, a disegnare e animare cartoni e lavorare insieme a lui alla produzione di cartoni animati principalmente a tema sportivo.
Dal 2014 è creatore e sceneggiatore di Bleacher Report e collabora con Adam nei suoi lavori.

L’idea

game-of-zones-warriors

Era la primavera del 2014 quando i fratelli Craig e Adam stavano lavorando a uno show in collaborazione con Yahoo! Sports in California, inizialmente ambientato nella NFL (quindi trattante football), chiamato “Sports Friends”, che peraltro ebbe luogo sebbene non con la stessa viralità che ha caratterizzato Game of Zones.
L’incontro con Bennet Spector di Bleacher Report fece cambiare i loro piani, convincendoli a disegnare una serie animata trattante storie di NBA.
Scelta che si rivelò vincente, tanto da accumulare milioni di visualizzazioni nel giro di pochi giorni dalla pubblicazione su YouTube nel maggio 2014.

La serie

L’episodio pilota di GoZ pubblicato nel 2014 non aveva molte ambizioni, a detta dei fratelli, eppure fu un successo totale.
Prese in prestito le ambientazioni medievali e il concetto di case dall’affermata serie TV “Game of Thrones” di HBO, mentre i personaggi e le storyline sono fedeli a fatti e persone realmente esistite, prettamente legati alla NBA.
Basti pensare ai Miami Heat rappresentati con le caratteristiche di casa Lannister, con LeBron associato a Jaime, Wade come Cersei e Pat Riley come Tywin .
L’episodio narra delle vicende più sentite della lega del 2014, dalla situazione di Kevin Love ai Timberwolves, alla caduta imminente della dinastia Heat , passando per l’infortunio di Rose e gli infermabili Spurs che marciano inesorabilmente verso il titolo.
Il punto forte della serie è il modo in cui i fratelli Malamut ripropongono e romanzano qualunque storia la NBA abbia da raccontarci, dalla decision di KD all’ “assalto” agli spogliatoi dei Clippers da parte dei Rockets (se non sapete di cosa parlo vi consiglio di leggere questo articolo, anche per farvi una risata), il tutto condito da una moltitudine di riferimenti e “easter egg” (dei particolari nascosti nelle scene degli episodi possibili da notare solo dopo qualche attenta visione) che rendono la serie unica nel suo genere di umorismo, che spesso e volentieri solo i malati di NBA riusciranno a cogliere.
Gli albori di questa serie animata però non lasciano intendere la direzione in  cui vuole andare, visto che le prime 3 stagioni comprendono solo 8 episodi in totale (più qualche bonus), pubblicati sporadicamente, senza una precisa data di uscita.
Questo finchè nel 2016 non fu annunciata la stagione 4, la prima stagione “ufficiale”, con un trailer e ben 8 episodi, tutti caricati su YouTube e sul sito di Bleacher Report, dove ora sono presenti tutti gli episodi, compresi quelli  della quinta, con Trailer e episodi bonus.

game_of_thrones_nba_a_l-20140518002606

Valutazione

Personalmente ho apprezzato la serie sotto qualunque punto di vista, i riferimenti, la struttura, l’umorismo.
Le uniche pecche sono dovute alla scarsità di episodi, comprensibile vista la complessità di realizzazione di ognuno di essi, la durata di questi, forse troppo brevi (fa eccezione l’ultimo uscito, il season finale della stagione 5, che dura 8 solidi minuti) e il mancato approfondimento delle case e dei personaggi, che se non fosse per la conoscenza della NBA del fruitore medio di GoZ risulterebbero piatti.
Lo consiglierei? La risposta può variare in base al soggetto, poichè l’opera è godibile al 100% solo se sei ben informato sulle storie che gravitano intorno alla Lega, principalmente fuori dal parquet oserei dire. Se soddisfi questo “requisito”, la serie è un must watch, breve ma piena di contenuti interessanti.

Infine suggerisco la visione nei primi giorni di uscita degli episodi, perchè trattano di argomenti sempre attuali e del momento nella scena cestistica USA, dunque se doveste andare a rivedere qualche vecchia puntata, cercate di calarvi nell’atmosfera che si respirava nella Lega in quel periodo per usufruire della migliore esperienza.

VOTO:9/10

Riccardo Russo

Riccardo Russo

Nato a Senigallia e cresciuto ad Ancona, attualmente studente al liceo scientifico e sassofonista dilettante, ma la mia passione principale da qualche anno a questa parte è il basket, anche se me la cavo di più con quello tweettato che giocato. Vivo il presente nel mito di Craig Sager, in futuro spero di fare della mia passione un lavoro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2018 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati