https_2f2fcdn-cnn_-com2fcnnnext2fdam2fassets2f180405133228-01-boban-marjanovich-file

Fantasy Corner Ep#1

Pick of the week

12+ cat leagues / 12 cat leagues

Settimana interessante per le leghe fantasy profonde. Occhi puntati sulla Baia, con i Warriors chiamati a rinfocolare la rivalità contro i Clips martedì, per poi proporre il primo confronto tra Curry e Young la notte seguente, fino ad arrivare ad un caldo venerdì texano nella riproposizione della scorsa WCF, fino alla chiusura di domenica, sempre in Texas, contro i Mavs. Si prospettano dunque molti punti e spazio per seconde e terze linee in una serie di 4 partite. Potreste dunque decidere di spendere i vostri 2 cent. su McKinnie e Looney, divenuti uomini fidati di Kerr dalla panchina. In casa GS, però, il vero steal per il vostro roster settimanale potrebbe essere Quinn Cook, visto l’infortunio all’inguine occorso a Steph Curry durante il match di giovedì notte contro Milwaukee. La scorsa stagione queste le sue cifre quando schierato in starting line-up: 14.6 PPG, 3.6 REB, 3.9 AST e 2.2 triple/partita.NBA: Golden State Warriors at Phoenix Suns

Portland ospiterà i Celtics, per poi volare a LA e riscattare allo Staples la recente “storica” sconfitta contro i Lakers. Di fronte alla peggior difesa del primo mese, Stauskas, il cui fatturato è risultato fin qui imprevedibile nell’alternanza tra prestazioni buone e altre a dir poco inconcludenti, potrebbe risultare pedina fondamentale. Nessun dorma su un Aminu, a tratti apatico in fase realizzativa, ma fin qui costante sotto i tabelloni.
Alle alte quote di Denver, in una settimana impegnativa come quella entrante (dentro Bucks, Rockets e Pels con in mezzo una facile Atlanta defaticante), potreste decidere di reclutare Juancho Hernangomez, ultimamente molto coinvolto tra rotazione e quintetto, con possibilità di offrire numeri discreti, ma utili allo sviluppo della vostra franchigia alla voce punti e rimbalzi.

A Est spiccano diversi componenti dei Nets su cui poter scommettere. Se cercate punti sicuri e ottime percentuali dalla downtown, il vostro uomo potrebbe essere Joe Harris, fin qui tra i candidati al premio di Most Improved Player. In assenza di Taurean Prince, Omari Spellman ha iniziato a fare la voce grossa con 18 punti, 10 rimbalzi, 4 assist, 3 stoppate, 1 rubata e 0 perse il 7 Novembre in casa contro NY. In casa Cleveland Tankers, con Love out almeno fino alla Christmas Week, potreste meditare sull’opportunità di acquisire Larry Nance Jr., anche se, va detto, ha fin qui visto uno scarso impiego da 4. TT regala rimbalzi come se piovesse, Hood sta affinando la mira da oltre l’arco (dopo un inizio imbarazzante si è attestato su quota 37%) e potrebbe regalarvi tra i 10 e i 15 PPG, oltre a concedere pochissimi TO (0.7 a partita, con una ratio A/T pari a 3.125). Se avete problemi di palle perse, disfatevi di Sexton, differentemente attenzione perché il ragazzo sta iniziando a partire in quintetto e ha ottenuto il pieno endorsement di coach Drew al cospetto delle critiche dei senatori.

9 cat leagues

Nelle Fanta-leghe a profondità ridotta dovrete tenere gli occhi ben aperti su New Orleans questa settimana. Gli scontri con Toronto, Minnie e Denver chiameranno prepotentemente in causa Mirotic e Holiday, oltre al solito Monociglio. In Louisiana si è già aperta la caccia alla PO seed e, visto l’inizio non propriamente esaltante, i prossimi sette giorni potrebbero vedere un importante salto di qualità. Potrebbe essere anche giunto il momento di disfarvi di un Okafor che continua a non trovare una dimensione alla corte di Gentry. Probabilmente non sarà questa la stagione, né la sede in cui potrà giovare in qualche modo alla vostra franchigia.

Sacramento quest’anno regala emozioni e soprattutto numeri a referto. Certo, Bagley e Fox sono una certezza, più il primo che il secondo, ma potreste meditare di strappare Bjelica a qualche Fanta-GM poco accorto. Sì, ok, alcuni passaggi a vuoto, ma, ehi, Nemanja ne vale il rischio. Cauley-Stein è da avere ad ogni costo se vi servono certezze in termini di punti e rimbalzi, mentre Hield potrebbe farvi molto comodo qualora non abbiate già problemi alla sezione TO.

A Miami potrete cercare supporto in McGruder e Richardson, capaci di prendere in mano la squadra con il biologico defilarsi di Wade e l’assenza di continuativa di Waiters. Ellington contro gli Spurs si è svegliato dall’arco, potreste anche arrischiare una presa se quel che vi serve sono punti e percentuali da 3, ma stiamo parlando di un contributo borderline.

Lavine in quel dell’Illinois sembrerebbe essere entrato nello stato di grazia della possibile miglior stagione in carriera e, dopo l’iniezione di fiducia del career-high al Madison Square Garden, potrebbe ulteriormente incrementare un fatturato che dice, ad oggi, 27.4 PPG, 5.0 REB e 3.8 AST.
Domantas Sabonis è stato fin qui molto produttivo, seppur non altrettanto continuo. Sotto le plance contro le malferme seconde linee di Rockets, Heat e Hawks potrebbe pasteggiare a punti e rimbalzi per l’intera settimana, regalandovi percentuali eccellenti dal campo (65.6%) e dalla lunetta (82.1%).

Oltre il confine canadese, potete serenamente sondare il terreno per arrivare ad Anunoby e soprattutto a Siakam. I due sono in crescita e non danno in alcun modo segno di volersi fermare. Attenzione, se da un lato la settimana dei Raptors sarà lunga (4 match), gli avversari saranno tuttaltro che semplici soprattutto nella prima (NO) e nella terza (BOS) uscita. Fate vobis.

Sell high/buy low

Ora che Minnie ha un Butler in meno (ma un Covington e Saric in più, ricordiamolo) c’è curiosità nel vedere se e quanto Derrick Rose continuerà a stupire. E’ vero che torna Teague ma ci sono da redistribuire una buona dose di possessi e minuti. Potrebbe essere il momento di massimizzare il rendimento dell’ex-mvp e scambiarlo per ottenere qualcosa che vi serve di più. Enes Kanter continua a impilare statistiche impressionanti in pochi minuti di utilizzo. Da una parte c’è il rammarico di non vedere il proprio pupillo di più in campo, dall’altro le innegabili doppie doppie potrebbero, se accoppiate a qualche altra risorsa, contribuire a mettere in piedi una trade per un lungo d’elite. Contumacia o meno di Mitchell, Crowder viaggia a medie più che interessanti e può coprire sia lo spot di SF che quello di PF, per chi gioca su Yahoo. Sentite qual è la contropartita richiesta, potreste cavarvela con meno di quanto pensate. La situazione nella città degli angeli (e del Re) invece è quantomai fluida, le gerarchie non sono state fissate anche se alcune linee tendenziali possono riconoscersi sopratutto a cospetto degli ultimi tabellini: Ball prevale su Rondo e Kuzma va stabilizzandosi come secondo scorer, lasciando ad Ingram un ruolo da all-around d’élite. Chiaro che in corrispondenza di queste indicazioni si possono trarre mille spunti per scambi, dove il nome/status può fungere da specchietto per le allodole, quindi…fatevi furbi!https_2f2fcdn-cnn_-com2fcnnnext2fdam2fassets2f180405133228-01-boban-marjanovich-file

Waivers’ corner

Se siete cascati nel tranello Tyus Jones, potrebbe essere venuto il momento di fare ammenda e redimersi. Salvo infortuni o crolli verticali di Rose e Teague (o di Wiggins e Okogie, just in case), la terza PG dei T’Wolves difficilmente guadagnerà minuti tra le rotazioni di Thibodeau. Inoltre, anche quando ciò è avvenuto, i risultati non sono stati del tutto convincenti. Nei 40 minuti alla Oracle Arena il 2 Novembre: 8 PTS, 5 REB, 9 AST, 2 ST (27.3 FG% e 2/7 da 3 PT) al che le quotazioni del fratello maggiore di Tre si sono impennate. Due giorni più tardi, al Moda Center, 27 minuti per 4 PTS, 1 REB e 4 AST, tirando con 2/9 dal campo e 0/1 dalla lunga.

Caldwell-Pope non ha ragione di esistere in nessuna lega, che sia profonda, corta o Dunkest. Forse non ha più ragione di esistere nemmeno nel roster di Walton.
Stauskas vale veramente le vostre speranze? Sì, se potete permettervi attese lunghe 3-4 o più partite, differentemente è improbabile possa.
Se avete creduto in Damian Jones in virtù dell’infortunio di DMC, beh, condoglianze. Fin qui 6.3 PTS, 2.7 REB , 0.7 BLK. Anche nelle deep leagues potrete trovare comprimari ben più utili alla causa.
Ntilikina vale il tempo passato ad aspettare sulla soglia del civico numero 4 di Pennsylvania Plaza, 10001- NY? Direi di no.
A meno di carestie in sezione trade e FA, potreste meditare di scaricare anche Kidd-Gilchrist. Per MKC 8.6 PPG e 5.9 REB, con molti passaggi a vuoto (sei partite sotto quota 10 alla voce punti, con uno 0 sonante il 6/11 in casa contro Atlanta). Yogi Ferrell ispira indubbiamente molta simpatia, ma decisamente non sarà il suo anno in quel di SAC.

L’intrepido Marcus Smart è senza dubbio pedina fondamentale negli equilibri di coach Stevens, ma non lo sarà nei vostri, salvo stati d’emergenza nel New England in stile RS 2017/2018. In questo primo scampolo di stagione 5.2 PTS, 2.7 REB e 3.8 AST, tirando il 32.7% dal campo e il 20% da dietro l’arco. A meno che non siate degli Onassis del Fanta-NBA, non potrete permettervi questo lusso. Congedatelo, con affetto, ma congedatelo. Tony Snell si sta confermando un giocatore periferico nel Wisconsin. 7.4 punti e poco altro di media. A voi la scelta, personalmente ci metterei una croce sopra e passerei avanti. Nessun rancore, Tony.Di Jalil Okafor, talentuoso quanto fin qui incompiuto nella propria carriera da pro, abbiamo già detto. Fatevi un post-it, attaccatelo al frigo e tenetelo lì fino a fine stagione.
Josh Jackson. L’irreprensibile Josh Jackson from Kansas. Sembrerebbe particolarmente in difficoltà in un inizio di stagione in Arizona che lo vede scarsamente presente e poco coinvolto. Rispetto all’anno da rookie, stats sensibilmente peggiorate alla voce punti, rimbalzi e palle perse. Per lui 6.9 PPG, con meno di 2 rimbalzi di media e 3 TO a partita. Rimandato al secondo trimestre.

Injury Report

Dati per scontati i lungodegenti Markkanen e Porzingis, sembra che il recupero di quest’ultimo vada addirittura a rilento, ricordatevi che Kevin Love rientra verso Natale, mentre Sam Dekker sarà disponibile poco prima, il conto alla rovescia è partito ed a buon intenditore, poche parole! L’infortunio che ha tolto l’inizio di RS a Jamychael Green doveva tenerlo fuori dalle 2 alle 4 settimane: siamo alla terza, allungate l’occhio. Il piccolo grande Isaiah Thomas dovrebbe essere prossimo al rientro ma non è stata definita ancora una data. Malone, il suo allenatore, l’ha definito day by day, il che, pur non avendo una data precisa è sufficiente per sintonizzare il nostro radar sulle frequenze del Colorado. Wade si gode la famiglia, quindi un infortunio simbolico che però vi priverà delle sue prestazioni per tutta la settimana, copritevi adeguatamente. Rudy Gay è sul punto di tornare, quindi toglietelo dalla IL list perchè può contribuire da subito e per tutta la settimana, metre per Luc Richard Mbah a Moute e Draymond Green siamo alla valutazione questionable, quindi più probabile il rientro avvenga in settimana inoltrata.

Iaconis’ Starting 5:

PG: Fox / Cook

SG: DeRozan

SF: Kuzma / Durant

PF: Bagley / Allen

C: Davis / Kanter

Pergamo’s Starting 5:

PG: Bledsoe/ Young

SG: DeRozan / Tier

SF: Durant/Crowder

PF: Saric / Vonleh

C: Jokic / McGee

Dunkest Starting 5 powered by R. Russo

Come prima guardia, nonché capitano, la scelta ricade su Kyle Lowry. Quest’anno è partito fortissimo ed è attualmente una top guard al Fanta. 16 crediti che varrà la pena spendere fino all’ultimo per un giocatore che da titolare frutterà spesso un bonus DD assieme ad una buona dose di rimbalzi.

Secondo consiglio per le guardie: Kemba Walker (14 crediti). Alla corte di Michael Jordan sta viaggiando ad una notevole media per punti e assist (statistica questa più influente nel computo finale dopo DD e TD).

Ali: in questo settore è consuetudine cercare di risparmiare, puntando al miglior rapporto qualità/prezzo. A questo proposito il primo nome è quello di Domantas Sabonis. Il figlio del Principe del Baltico è, fantacestisticamente parlando, oro. Dall’inizio della RS flirta con i 14 punti e 10 rimbalzi di media, con un paio di acuti da 30 punti. Un must-have nel vostro Fanta-frontcourt.

Come secondo esterno il rookie dei Bulls Wendell Carter Jr. Non sarà una certezza, ma se siete pronti a rischiare, potrebbe fare per voi. Solo 9 crediti, 8 punti con 11 rimbalzi di media fin qui (dunque frequenti bonus DD).

Lunghi:  protagonista il sottovalutato Nikola Vucevic, che per 13 crediti vi garantirà medie solidissime (attualmente 30 Fanta-punti di media). Ultimo, ma non per importanza: DeAndre Ayton. Stento a trovare un centro che vanti un rapporto Fanta-punti/crediti così alto. Per la modesta cifra di 11-12 crediti (a seconda del mercato) potrete schierare in quintetto un giocatore da 15 e 10 dopo solo 11 partite da pro.

Coach: con un occhio al portafogli vi suggerirei il nome di Nate McMillan. Indiana non avrà il record degli Warriors, ma, dopo la breakout season di Dipo, quest’anno i Pacers puntano forte ai PO e non c’è dubbio che ad Est potranno mettere insieme un buon record stagionale.

Luigi Pergamo

Luigi Pergamo

34 anni, nasco calciatore e calciofilo fino a che una domenica mattina di fine anni '80, facendo zapping, faccio la conoscenza di Magic e Kareem: le mie giovani certezze vacillano, più tardi cadranno. Da allora la malattia ha un crescendo esponenziale fino al punto in cui devo cominciare a parlarne e, poi, scriverne. Sposato e con un figlio (3 anni e tifa Bucks, boh) quando non lavoro lancio spingardate al ferro in palestra o al playground.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2018 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati