USP NBA: PLAYOFFS-DENVER NUGGETS AT SAN ANTONIO SP S BKN SAS DEN USA TX

1st Round in Review: Nuggets – Spurs

Gara 7: due parole che nello sport americano valgono come mille discorsi.
Gara 7, il tempo degli eroi e degli inevitabili sconfitti, non si può rimandare. Non ci sarà un’altra gara per redimere il tutto. Non si potrà fare meglio. Il top delle serie di playoffs americano.

Denver contro San Antonio è gara 7, ma va oltre la singola gara 7.

Denver contro San Antonio era la novità contro il classico, il talento contro il sistema.
Denver contro San Antonio è stata una sfida di opposti.

Un breve riepilogo di come è andata la serie.

Si parte al Pepsi Center, casa dei Denver Nuggets.

derozan-game-1

Gara 1 inizia sotto il segno del sistema Spurs: capitanati da DeRozan gli Spurs provano il colpaccio sul campo dei Nuggets, che all’inizio sembrano impauriti dal palcoscenico di Playoffs. Gli Speroni sanno dove colpire, DeRozan (18 punti e 12 rimbalzi alla fine), White, Aldridge e Gay fanno male inizialmente ai Nuggets. Denver prova il recupero, grazie ai soliti Jokic e Murray, ma sul finale sbaglia incomprensibilmente quasi tutte le scelte: penetrazione maldestra di Jokic con palla persa sul +1 Spurs a 54 secondi sulla sirena, jumper sbagliato di Murray sempre sul +1 Spurs. Murray che finisce la partita con una palla persa durante l’inizio dell’azione del tiro finale. Inevitabile le critiche a questi Nuggets. Belli, ma inesperti, inadatti ai Playoffs.

1 a 0 Spurs.

Gara 2 è una copia di Gara 1. Nuggets impauriti e Spurs che dominano il loro campo. Le critiche avevano sensio. Possono qualcosa questi Nuggets contro gli Spurs? Aldridge e DeRozan comandano il parziale, che li vede condurre di 14 punti nel terzo quarto. Tutto scontato? No. Spunta Murray, che letteralmente salva la stagione dei Nuggets. Una serie di penetrazioni, floater e triple che portano Denver alla vittoria.

1 a 1 Denver.

Si va in Texas, AT&T Center, casa degli Spurs, simbolo di vittorie dinastiche.

nhs3xywbzjh4fica7obusmneni

Gara 3 è a senso unico. L’organizzazione Spurs ridicolizza i Nuggets, che vanno sotto soprattutto sotto il canestro. White taglia la difesa dei Nuggets come una lama ad ogni penetrazione e conclude con facilità sotto il ferro non protetto. DeRozan fa il resto. Schiacciata dal lato e Nuggets a terra in Texas. Jacob Poeltl schianta il salvatore Murray contro un blocco granitico. 2 a 1 per San Antonio e, se non ci fosse stato Murray, la serie sarebbe già finita in Texas 4 a 0.

2 a 1 Spurs, in pieno controllo della serie. Passaggio del turno San Antonio ormai scontato, Denver ritenuti una favola evanescente.

Gara 4 è la gara del Joker. Partita da incorniciare per Jokic. 29 punti, 12 rimbalzi e 8 assist, a cui ha aggiunto la vittoria morale nello scontro con Aldridge sotto canestro. Joker subissato dalle critiche in settimana, critiche che lo tacciavano di una difesa molle, di non essere un leader, di scomparire nel momento del bisogno. Serviva una risposta forte e chiara e il serbo non si è fatto attendere.

2 a 2 Denver. Si ritorna a credere nei Nuggets.

Si torna al Pepsi center con Denver in vantaggio emotivo.

DENVER NUGGETS VS SAN ANTONIO SPURS, NBA PLAYOFFS

Gara 5 è la rivincita dei giovani, una partita di cuore e corsa dei Nuggets, che surclassano gli Spurs. Denver la mette sul ritmo: Murray-Harris e Jokic sono infermabili per i vecchi Spurs. In aggiunta si risvegliano Millsap e Will Barton. Troppo per gli Spurs, sotto di 30 all’inizio quarto periodo. Panchine in campo durante l’ultimo quarto, titolari mandati a risparmiare energie per l’ultima potenziale battaglia di gara 6.

3 a 2 Nuggets.

Si va nella casa degli Spurs, per il potenziale 4-2 di Denver.

Gara 6: l’ultimo canto del cigno. Murray rallentato dell’infortunio al ginocchio, Joker infermabile, ma Aldridge, DeRozan e Gay, coadiuvati dal solito White provano a tenere in piedi la baracca Spurs e inaspettatamente ci riescono. Vittoria Spurs, ma l’aria di novità si percepisce. I Nuggets perdono un’occasione per passare il turno senza passare da Gara 7.

Spurs 3 a 3.

Gara 7.Denver.

AP SPURS NUGGETS BASKETBALL S BKN USA CO

I giovani Nuggets si ritrovano nella gara 7, in casa. Iniziano fortissimo, spinti dal tifo assordante del Pepsi Center. Ne hanno sostanzialmente di più: hanno più corsa, più voglia di arrivare su tutti i palloni (basta guardare il rimbalzo preso da Beasley al centro dell’area Spurs), hanno più ritmo. Ma gli Spurs non cadono, DeRozan  e Forbes soprattutto tengono San Antonio in qualche modo aggrappata alla partita. Manca sotto questo aspetto ancora qualcosa ai Denver, mai capaci di far cedere completamente l’avversario, mai capaci di chiudere una questione velocemente.

Rimbalzo e Forbes in contropiede fa -2 Spurs. Denver nel pallone. Tutto quello che ha meritatamente guadagnato durante la stagione e le partite precedenti è stato ora minimizzato dagli Spurs, che nonostante tutto sono ancora lì. Poi? Poi ancora il salvatore Murray. Floater di una bellezza inimmaginabile e + 4  Denver. DeRozan sbaglia il tiro e palla in mano a Denver a 27 secondi dalla fine. Popovich chiama il fallo. Nulla. Popovich sbraita a metà campo, chiamando un fallo per fermare il tempo. Il tempo scorre. Aldridge ipnotizzato. Gli Spurs ipnotizzati, in balia degli eventi. Non commettono il fallo. Il tempo è terminato, rimbalzo, ma gli Spurs non riescono neanche a prendere l’ultimo tiro.

Fine serie. Una serie bella e combattuta, uno scontro tra Murray-Jokic e DeRozan-Aldridge. Alla fine ha vinto chi meritava di più. Onore ai vincenti, che adesso incontrano Lillard e Portland, sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria contro OKC.

Avranno i Nuggets imparato la lezione?

maxresdefault

Claudio Melini

Claudio Melini

26 anni, con un passato nel calcio, ho iniziato a seguire il basket grazie alle partite natalizie dell’NBA, mi sono innamorato dei Clippers (durante un derby perso malissimo con i Lakers). Sono uno studente universitario e mi piace scrivere, sperando un giorno di vincere un anello NBA con la squadra più forte di Los Angeles (al momento).

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2019 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati