2018 NBA Rookie Photo Shoot

FANTASY CORNER EP #3

Pick of the Week

12+ cat leagues / 12 cat leagues

Un Dwayne Wade versione vintage apre la nostra rubrica: 35 punti con 13/22 dal campo e 4/7 da tre vs. Toronto, seppur in losin’ effort, fanno salivare, anche se sappiamo pende la spada di Damocle dei ritorni in campo di Dragic & C. Ma come speculative add ci sta pienamente, non è esclusa una mini striscia contro Atlanta, New Orleans e Utah.  E’ tornato Kidd-Gilchrist e come al solito ha mosso il suo tabellino in ogni voce statistica in soli 19 minuti. Un pò la filosofia di Borrego, un pò l’inconsistenza stessa del buon Michael, si è sempre nel mezzo del guado…si può provare a prenderlo ma astenersi impazienti, che posso investire, invece in Jeremy Lamb, molto più solido oggidì. Dj Augustin è uno di quei giocatori silenti che però sono altrettanto costanti e possono aiutare non poco la vostra causa: non danneggia le vostre percentuali, ha un’ottima A/T ratio (2,375) ed è una formica operosa e costante. Affidabilità alta

9 cat leagues

Se facessimo orecchie da mercante alle recenti prestazioni di Kevin Durant non solo faremmo un torto ad uno che si sta mettendo di prepotenza nella discussione per il titolo di MVP stagionale, ma ignoreremmo 93 punti nelle ultime due, non mancando di riempire lo stat sheet nelle altre categorie statistiche e mai allontanandosi dal sentiero del 50/40/90, che è marchio di fabbrica dell’ex-Longhorn. Seppur tra mille difficolta e voci che aleggiano intorno la sua squadra, John Wall non si nasconde e sta facendo vedere una non timida reazione, certo percentuali dalla lunga distanza e palle perse vanno messe in conto, tuttavia due doppie doppie nelle ultime tre uscite ed il 46% abbondante dal campo della settimana appena trascorsa sono un buon viatico per riprendersi ed animare la vostra lineup. Luka Doncic non è solo forte sul campo ma anche molto intrigante al fantasy basketball, se c’è stato rookie wall il nativo di Lubiana l’ha fatto sembrare un marciapiede. Le percentuali salgono e le palle perse stanno sensibilmente scendendo. E’ il suo momento., ma sopratutto è quello di Nikola Vucevic: una bestia e non solo contro i Lakers, tradizionalmente vittime predestinate.usatsi_11731711_168384702_lowres

Sell High/Buy Low

Scavallato sornionamente il Black Friday, è già tempo di mettersi all’opera per cercare di suggellare qualche ottima trade sfruttando le plusvalenze della settimana appena conclusa.
Collin Sexton sta finalmente cominciando a dimostrare perché l’entourage di Cleveland abbia fermamente creduto nell’eccentrica PG diciannovenne ex-Crim.Tide fin dai primi giorni, nonostante il rumoreggiare di qualche compagno più vecchio. 20.5 PPG, 2.8 AST, 3.3 REB per lui nell’ultima settimana. Non datelo via per un giocatore che non possa assicurarvi quantomeno quelle cifre, perché di qui ad Aprile il fatturato potrebbe crescere ulteriormente.
Con l’uscita di scena di LeVert, Spencer Dinwiddie è stato probabilmente il principale beneficiario nelle rotazioni e nelle chiavi tattiche dei Nets. 17.7 PPG. 7.3 AST, 2.3 REB negli ultimi 7 giorni. Potreste utilizzarlo come valida pedina di scambio per una trade che vada a rimpinguare il vostro roster con un veterano di continuità o con un paio di gregari con minuti sicuri nel contachilometri.
E’ stata indubbiamente una settimana positiva per Mudiay. 15 PPG conditi da 3 REB e 2.5 AST con l’acuto nella notte del MSG al cospetto di Anthony Davis (27 PTS, 7 REB, 2 AST, 4 ST, seppur tirando sotto il 17% da oltre l’arco). Scambiatelo il prima possibile, non saranno queste le sue cifre tipo ogni volta che allaccerà le scarpe.
Juancho Hernangomez è un altro dei grandi emergenti delle ultime due settimane. Le percentuali al tiro sono soggette alle lune del Colorado, ma potrebbe essere una buona opzione se ciò di cui avete bisogno sono punti e rimbalzi a basso costo.
Se non avete superstars in grado di darvi ventelli e trentelli sicuri ogni notte, beh, potreste dover optare per il secondo scenario.
Dennis Schroeder in sostituzione di Westbrook se l’è cavata egregiamente e continuerà senza alcun dubbio a poter gestire tra i 25 e i 30 minuti nelle rotazioni di coach Donovan. Io però tenterei l’azzardo e proverei a scambiarlo per uno starter di prima fascia in uno scambio 2×1.
Settimana da incubo nelle steppe del Minnesota per Andrew Wiggins. Definitivamente incoronato secondo go-to-guy dei T’Wolves dopo la partenza di Butler (tanto voluta anche dallo stesso Wigs), ha registrato nella Week 6,9 PPG con 2.5 REB, 2.3 AST, 2 TO, tirando il 17.5% dalla lunga, il 50% dalla lunetta e poco più del 27% dal campo. Anche le cifre generali in stagione si sono rivelate fin qui sotto le aspettative e sotto il rendimento della scorsa RS. Siamo già all’ultimo treno per scambiarlo in una trade che valga ancora il nome? Nel caso vi trovaste dall’altra parte del tavolo, provate a trattarlo al ribasso, potreste incappare nell’insofferenza (o della disperazione) di chi ne detiene i diritti e strapparlo per meno del previsto.
Tornando alla sponda meno nobile di LA, Montrezl Harrell è uno dei giocatori da avere assolutamente in questo momento. Spostate tutti gli appuntamenti in agenda, avvisate la segretaria e sfoderate il telefono, è tempo di accaparrarselo. Discorso similare per Julius Randle, rullo compressore nelle DD e reduce da una TD contro SA il 19 Novembre (quasi replicata cinque giorni più tardi in quel di Washington).

Waiver’s Corner

Su Caldwell Pope abbiamo disquisito non poco, stavolta vi diciamo di lasciar perdere anche perchè è stato avvistato un Rondo già in rampa di lancio dopo poco più di 10 giorni dall’infortunio. Chi intriga nelle leghe profonde è Richaun Homes, che ha visto aprirsi un minimo di spazio vista la partenza di Tyson Chandler, da cui eredita ottime percentuali dal campo e costanti, seppur minime, stats difensive. A proposito di Chandler, a fronte di prove che in primis potevano far pensare ad un’addizione per rimbalzi e stoppate, ora appare molto meno attraente quale free agent dato l’utilizzo ridotto da specialista. Da qualche parte è ancora libero Allonzo Trier, che è tornato a fare la voce grossa lungo il 41° parallelo nord. 25-8-4 con 3/3 dalla downtown e il 75% dal campo nella vittoria del 23 Novembre in casa contro NO. Il ragazzo vive di alti e bassi (e non potrebbe essere altrimenti, trattandosi di un rookie e di un Knickerbocker) ma fidatevi: Allonzo is for real.atlanta-hawks-v-new-york-knicks-4

Injury Report

A Chicago gli ultimi report sull’infortunio al ginocchio non sorridono ai GM proprietari di Denzel Valentine. Attesa prolungata almeno fino al 18 Marzo. Per Markkanen e Dunn nullaosta posticipato fino alla Week 8.
Dovremo aspettare qualche settimana in più rispetto al previsto anche per rivedere Kevin Love in maglia Cavs. Secondo l’ultimo rapporto medico, il quattro volte All-Star dovrà aspettare quantomeno fino al 2 Gennaio prima di potersi dire completamente recuperato dall’intervento all’alluce.
In Texas potrebbe avvicinarsi il momento di Dirk Nowitzki, seppur non per questa settimana. Molto più probabile un ritorno di Wunder Dirk in roster tra la settimana 8 e 9.
A Denver continuano gli accertamenti sul talento Michael Porter Jr., mentre per Barton e Thomas si attendono notizie ad inizio Dicembre.
Nella Baia sale la tensione non solo per i recenti dissesti tra spogliatoio e campo. Oggetto di apprensione per la DubNation sono anche le condizioni fisiche dello Unanimous MVP Steph Curry. Difficile il rientro in tempo per la Week 7. Nel mentre DMC scalda i motori per un ipotetico ritorno tra il Christmas Tip-Off e fine anno.
Nella settimana entrante potreste rivedere anche l’astro Dipo a illuminare il back-court dei Pacers. Se così non fosse spazio a Collins, Joseph e al (sorprendente) terzo dei fratelli Holiday.
C’è fretta dalle parti di Miami per il recupero di Dragic. Difficile presumere un rientro questa settimana, ma continuate a tenere d’occhio l’infermeria degli Heat.
Per John Henson i tempi non potranno che farsi inevitabilmente lunghi (rottura ligamentosa polso sinistro) data la necessità di ricorrere alla sala operatoria con relativa convalescenza e recupero. Fuori indefinitivamente, non contate di rivederlo prima della prossima stagione.
Nessuna buona nuova nemmeno da casa Pelicans per quanto riguarda Payton. I report ufficiali lo danno fuori almeno fino al 2 Gennaio, ma è forse arrivato il tempo di chiedersi se lo rivedremo prima dell’All-Star Break.
Come per Caris LeVert, anche l’infortunio di Hamidou Diallo dei Thunders ha dato in diretta impressioni estremamente più nefaste rispetto alla reale condizione clinica. Gli accertamenti di rito hanno escluso un coinvolgimento articolare del ginocchio sinistro. Stando alle indiscrezioni riportate da Shams Charania di The Athletic, si tratterebbe solo di distorsione alla caviglia. Tenetelo tra i vostri, tornerà a breve (Week 8?).

Iaconis’ Starting 5:

PG: Westbrook / Harden
SG: DeRozan
SF: Durant / James
PF: Harrell
C: Davis / Randle

Pergamo’s Starting 5:

PG: Westbrook / Doncic
SG: George
SF: Durant
PF: James
C: Gasol/Davis

Dunkest Starting 5 powered by R. Russo

Questa settimana partiamo subito con una scommessa tra le guardie, il nuovo arrivato in NBA Trae Young. Il rischio con un rookie del genere è alto, ma anche il guadagno lo potrebbe essere. Per soli 8.5 crediti, potrete schierare il rookie con la più alta media assist della classe 2018, attualmente quinto in NBA in questa stessa stat. Con tutto lo spazio che Atlanta gli concede, il suo miglioramente si prospetta esponenziale.

Conteniamo le spese anche con la seconda scelta, Zach Lavine. 11 crediti ed è attualmente un legittimo candidato MIP, dopo aver migliorato la sua media punti da 17 a 25. Il ragazzo è leader di un team giovane, in cerca di ruoli e certezze e lui sembra l’unico riuscito a trovarne qualcuna.

Nelle ali pescheremo un secondo candidato MIP, l’esterno dei Raps Pascal Siakam. Per l’irrisoria cifra di 9 crediti, destinata ad aumentare, dunque affrettatevi, il camerunense mette a referto delle cifre all’apparenza nella norma, ma che tradotte in fantapunti Dunkest saranno più che ottime, rapportate alla spesa

Ad affiancarlo tra le ali sarà Nikola Mirotic, che sebbene nelle stagioni precedenti non lo avrei consigliato, quest’anno a NOLA ha trovato un ruolo e una stabilità nel rendimento. Se non vi ha convinto, specifico che per 13.7 crediti il Montenegrino fornirà una sostanziosa mole di rimbalzi e punti.

Come avrete notato abbiamo volato relativamente basso fin’ora. Piazzeremo i carichi da novanta tra le due torri che sosterranno il nostro fanta team. Rudy Gobert, 16.5 crediti, non ha bisogno di presentazioni e tantomeno di elogi, le fantacifre parlano da sè. Uno dei top lunghi, secondo i parametri di Dunkest, che valorizzano anche le stoppate.

Per chiudere in bellezza il nostro starting 5 (+6° uomo) ci avanzano giusto i crediti per nientemeno che Joel Embiid, che sembra voler puntare forte all’MVP di quest’anno, a scanso di infortuni. Si presenta come un top 3 fantagiocatore e il suo costo di 17 crediti è lì a dimostrarlo. Se resta sano, non solo produrrà una DD garantita, ma la condirà con eventuali prestazioni da svariate stoppate e qualche quarantello a ciel sereno.

Daremo l’onore di allenare questo particolare quintetto a Steve Clifford, che coi suoi Magic vorrebbe arrivare ai Playoff a Est. La strada non è semplice, ma per quei 5 crediti che ci spenderete, sarà difficile andare a pederci.

Luigi Pergamo

Luigi Pergamo

34 anni, nasco calciatore e calciofilo fino a che una domenica mattina di fine anni '80, facendo zapping, faccio la conoscenza di Magic e Kareem: le mie giovani certezze vacillano, più tardi cadranno. Da allora la malattia ha un crescendo esponenziale fino al punto in cui devo cominciare a parlarne e, poi, scriverne. Sposato e con un figlio (3 anni e tifa Bucks, boh) quando non lavoro lancio spingardate al ferro in palestra o al playground.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Editore ENBIEILAIF - Nacho Symbolic Associazione Culturale
P.IVA - COD. FISC. 03383520545
Direttore Responsabile testata on line: Luca Fiorucci
Server Provider: Aruba
Registro Stampa Tribunale di Perugia N°9 27/05/14
Email: info@nbalife.it

© 2018 Copyright NbaLife.it, tutti i diritti riservati